Il rischio di un conflitto internazionale è sempre più reale
La guerra in Ucraina sembra assumere ogni giorno di più una dimensione internazionale. Anche oggi sono arrivati segnali di un’ulteriore escalation.
Innanzitutto dal campo, da cui continuano ad arrivare notizie di attacchi fuori dai confini ucraini. C’è poi la questione del gas, con lo scontro sulle forniture tra la Russia e l’Unione europea. E infine le parole di Vladimir Putin.
In un discorso ai parlamentari il Presidente Russo

Segui

ha avvisato l’Occidente: “Se qualcuno dall’esterno ci minaccerà, la nostra risposta sarà fulminea. Risponderemo con mezzi finora inutilizzati”.
Il discorso arriva all’indomani del vertice in Germania, dove i ministri della difesa di 40 paesi hanno coordinato l’invio di nuove armi all’Ucraina.
Sia nelle parole, che nei fatti, dunque, il rischio di uno scontro diretto tra Nato e Russia si fa sempre più consistente. Alberto Negri, editorialista del Manifesto
radiopopolare.it/wp-content/up

Accedi per partecipare alla conversazione
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it