e
Il dibattito sulla qualità dei dati ai fini della e delle scelte per la pubblica. Non sempre si possono attendere le ricerche scientifiche validate per prendere decisioni politiche nell'immediato.
Questa cosa mi fa un po' pensare all'
epiprev.it/presto-e-bene-diffi


In il governo annuncerà lo stop al turismo invernale durante il periodo natalizio. Lo anticipa il quotidiano viennese "Der Standard".

e l' del quartiere
Avvenire: "Duri i commenti sui social: la morte di Vincenzo infatti arriva mentre si conclude l’accordo tra Invitalia e ArcelorMittal perché l’ex possa continuare a produrre ".
msn.com/it-it/notizie/other/vi


Circa 300 tonnellate di uranio impoverito sono state esplose durante la prima guerra del Golfo, principalmente dai cannoni GAU-8 Avenger da 30 mm degli Aerei da attacco al suolo A-10 Thunderbolt, ogni proiettile dei quali conteneva 272 grammi di uranio impoverito.

L'uranio impoverito è stato usato anche in Bosnia, nella guerra del Kosovo e nella Operazione Enduring Freedom, in misura minore.
necrologie.iltirreno.gelocal.i


Qualcosa si sta smuovendo, rispetto al passato. Da quando sollevò la questione nel 1999 si sono fatti alcuni passi in avanti. La notizia recentissima che lo Stato è ora tenuto a risarcire cambia sia la prospettiva sia la visione retrospettiva del problema.
espresso.repubblica.it/inchies

Caso
La Procura di Roma va avanti ed è pronta a chiudere le indagini a carico di cinque appartenenti ai servizi segreti egiziani accusati del sequestro di Giulio Regeni. Lo ha comunicato il procuratore Michele Prestipino.
Fonte: TGCOM24


LO STATO DEVE RISARCIRE
Sentenza del Consiglio di Stato. Demolito senza attenuanti il ricorso presentato per evitare di risarcire la famiglia di un caporal maggiore che aveva prestato servizio nella missione “Althea” in ex-Jugoslavia nel 2007.

Il Manifesto
EDIZIONE DEL 01.12.2020
PUBBLICATO 30.11.2020, 23:59

Vincenzo è stato concepito ed è nato mentre a - fra il 2008 e il 2009 - organizzavamo le imponenti manifestazioni da 20 mila persone in cui chiedevamo di abbassare drasticamente le emissioni inquinanti. In quegli anni le emissioni di dell' erano equivalenti a diecimila inceneritori.
E oltre alla diossina c'erano il (a)pirene, il , il e altri inquinanti cancerogeni, neurotossici e genotossici.
fanpage.it/attualita/taranto-v

Quartiere
---
L'ultimo saluto a Vincenzo
Nella foto i che lo conoscevano. Aveva 11 anni e lottava da tempo contro il suo tumore. Viveva nel quartiere più inquinato di .


"Non possiamo dire con certezza se la grande industria abbia ucciso anche Vincenzo, ma la scienza ha già fornito innumerevoli dati che evidenziano i maggiori rischi a cui sono soggetti coloro i quali sono esposti ad inquinanti nel nostro rione, nella nostra città e nella nostra provincia. Maggiori quando la vita ha inizio con la gravidanza, proseguendo durante i primi anni di vita del bambino e così via". Questo scrivono le mamme tarantine dell'associazione "Tamburi Combattenti".

Questo è l'andamento di in borsa, e si vede bene che il titolo ha perduto quota proprio a partire dal settembre 2018, da quando Mittal ha incominciato a gestire l'ILVA di Taranto.

Oggi è saltata la firma dell'accordo fra governo e sul futuro dello stabilimento che attualmente è dato in fitto alla multinazionale.
Il fatto che sia saltata la firma, posticipata di una decina di giorni, vuol dire che l'accordo aveva dei punti non chiariti. Credo che uno di questo sia: chi deve mettere i 2,1 miliardi di investimenti? E l'altro è: come si potrà investire se gli impianti sono sotto sequestro e ci potrebbe essere anche la confisca?
lists.peacelink.it/ecologia/20


«Noi – dice Arcuri – abbiamo chiesto un progressivo innalzamento dei livelli di produzione: da 5 milioni subito per salire a 6-7-8 milioni di tonnellate».
Ma se produci 8 milioni di tonnellate e non le vendi che fai? Le lasci sulla banchina del porto?
Si parla poi di -90% per le diossine e di -78% per le polveri sottili. Ma qual è il termine di raffronto rispetto a cui calcolare queste percentuali?
Non ne parliamo poi dell'occupazione...
ilsole24ore.com/art/ex-ilva-ac

Mostra di più
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it