Dopo l'ultimo barcone affondato al largo di Khoms, a 100 chilometri da Tripoli, la stima dei morti nel Mediterraneo sale quest'anno a oltre 980. L’anno scorso a fine luglio erano 272.

Fonte: Vita.it

Le applicazioni per la scuola promosse dal governo francese.

apps.education.fr/

confrontatele con quelle promosse in Italia.

🆘~35 vite in pericolo al largo della #Libia. In fuga dalla Libia, hanno chiamato @alarm_phone ieri sera perché hanno avuto problemi al motore. Da ~6 ore si sono persi i contatti. Le autorità sono informate. Bisogna intervenire al più presto!Alarm Phone: 🆘SOS! ~35 lives at risk off #LibyaLast night, we were called from a boat in distress with about 35 people onboard. They fled from Libya but had engine problems. Authorities have been alerted. We lost contact to the boat ~6 hours ago.


Quanta ipocrisia sul garantismo e sul diritto a processi brevi. Ho visto con i miei occhi avvocati che facevano ostruzionismo nei processi pur di allungare i tempi, e questo non in nome del garantismo ma in nome del vero obiettivo: l'impunità.

Chissà perché quelli che si battono a parole per i processi brevi fanno di tutto pur di allungare il processo!!

La riforma Cartabia porterà molti processi per inquinamento all'improcedibilità.

L'ANM (Associazione Nazionale Magistrati) parla di "forte sacrificio dei diritti delle vittime".

Fra i due diritti contrapposti (giustizia e garantismo), certamente da bilanciare, noi abbiamo il dovere di tenere alto quello delle vittime, prima di tutto.

Il presidente Massimo Villone concorda con i pm antimafia Gratteri e Cafiero De Raho: «Questa soluzione non solo non risolve il problema ma provoca effetti paradossali. Crimini anche gravi, compresi quelli di natura mafiosa, diventeranno non punibili, anche se non sono maturati i termini di prescrizione. È evidente che se prevarrà il partito dell’impunità, nascosto nelle pieghe della riforma, crescerà nella società il livello di sopraffazione e violenza». ilmanifesto.it/il-coordinament

MediaWatch: Licenziato per un post sull'ILVA, oggi reintegrato: "Era stata colpita la libertà di espressione" peacelink.it/mediawatch/a/4863 #MediaWatch

⚫Almeno 57 persone, tra cui 20 donne e 2 bambini, sono morte vicino le coste libiche, a #Khums. Ancora una volta non si tratta di incidenti casuali, ma di precise scelte politiche europee.Alarm Phone: ⚫️More suffering and dying off #Libya. At least 57 individuals lost their lives. Hundreds of relatives and friends will never get to see their loved ones again. The devastation caused by the EU border regime reverberates around the world but few in Europe itself will even notice. twitter.com/msehlisafa/status/

La riforma Cartabia (5)

La ministra Cartabia fa riferimento all'articolo 6 della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU): "Ogni persona ha diritto a che la sua causa sia esaminata equamente, pubblicamente ed entro un termine ragionevole".

Tuttavia esiste anche l'articolo 13 della CEDU: "Ogni persona i cui diritti e le cui libertà riconosciuti nella presente Convenzione siano stati violati, ha diritto ad un ricorso effettivo davanti ad un'istanza nazionale".

Come il caso .

La riforma Carabia (4)

Per le indagini preliminari sono previsti tempi più corti degli attuali. Si rimodulano i termini di durata massima delle indagini rispetto alla gravità del reato. Si prevede per il pm di chiedere il rinvio a giudizio dell'indagato solo in caso gli elementi acquisiti consentano "ragionevole previsione di condanna".

La riforma Cartabia (3)

Sono previste delle proroghe per i procedimenti più complessi e la possibilità per gli imputati di rinunciare all'improcedibilità. Sono esclusi i reati imprescrittibili, quali quelli puniti con ergastolo. Tra i reati con tempi più lunghi sarebbero stati inseriti anche quelli più gravi contro la Pubblica amministrazione, con una durata di 3 anni per l'appello e di 18 mesi per la Cassazione.

La riforma Cartabia (2)

Anche la mancata definizione del giudizio di appello entro 2 anni costituisce "causa di improcedibilità dell'azione penale". In Cassazione i termini sono di un anno.

La riforma Cartabia

La riforma prevede lo stop alla prescrizione a partire dalla sentenza di primo grado sia in caso di condanna che di assoluzione (come già previsto dal testo di Bonafede), ma con l'introduzione per i gradi successivi dell'"improcedibilità". Questo significa che, se verranno superati i limiti di tempo, fissati a 2 anni per il secondo grado e a uno per la Cassazione, non sarà più possibile proseguire col processo. Non si estingue il reato, ma si blocca il processo.

Nella riforma c'è un punto molto pericoloso: l’azione penale dovrebbe osservare le priorità che il potere politico indica alla magistratura.

peacelink.it/sociale/a/48632.h

Mostra di più
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it