La giuria del concorso Pezzettini 2021 esprime il proprio apprezzamento per la quantità e la qualità dei testi presentati che denotano il desiderio di comunicazione e la vitalità dei bambini, delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze, nonostante il periodo difficile causato dall'epidemia del COVID-19 e dalle relative chiusure sociali a cui si è stati sottoposti.

Dichiara pertanto i seguenti vincitori e vincitrici: >

Per la scuola primaria: viene premiato "La voragine" della classe II°C della Scuola Grazia Deledda (I.C. Laparelli) per la capacità di utilizzare, con una buona scrittura, una metafora come la voragine per descrivere una situazione di catastrofe e di conseguente deterioramento delle relazioni sociali fino ad arrivare ad un ripristino delle condizioni di normalità e socialità delle persone attraverso la scoperta della collaborazione e dell'aiuto reciproco. >

Mostra thread

Per la Scuola secondaria viene premiato "Quel pomeriggio quando era ancora in vita..." di Francesca e Michela Zazza, della classe 3°C della Scuola Pavoni (I.C.Laparelli) per la capacità di trattare con delicatezza e maturità il tema della vita e della morte descrivendo la profonda amicizia tra due anime che, con destini diversi, riescono a perpetuare, attraverso "una memoria viva e colorata", la presenza di chi non c'è più tra chi c'è ancora. >

Mostra thread

Per il Liceo Kant viene premiato "Nel silenzio di quello strano pomeriggio tutto sembrava possibile..." di Veronica Fargnoli della classe 4°B Classico per l'originalità della concezione della vita intesa come musica, che si manifesta in tutti i suoni e i rumori della quotidianità fino a creare "un caos melodioso" che le permette di superare i momenti di difficoltà e di "farla sentire viva". >

Mostra thread

La giuria decide inoltre di dare una menzione speciale al testo della classe 1°F della Scuola primaria Enrico Toti (I.C. Alberto Manzi) per la capacità di dare una personalità agli oggetti della classe, animandoli dopo la chiusura della scuola. >

Mostra thread

Per la sezione adulti:
"Il pianerottolo" di S. Rosati, docente IC Villaggio Prenestino
L'autore utilizza il tema del COVID, presente in molti elaborati, come spunto per riflettere sulla capacità dell'animo umano di trovare vie di libertà ed apertura, e dunque "strade vitali", anche in momenti di pesante chiusura sociale come il lock down. Il racconto è ben strutturato, la scrittura fluida e gradevole. >

Mostra thread

Per la sezione Pezzettini OFF:
"All'improvviso il paradiso" di L. Borgia 5C Scuola Primaria V. Chizzolini, I.C. Villaggio Prenestino
Il racconto ha una struttura solida, con inizio, svolgimento e chiusura ben delineate. La scrittura è sostenuta da uno spirito allegro ed a tratti dissacratorio. Il carattere di Dante, energico ed a tratti focoso, emerge bene nelle situazioni narrate. Il racconto è molto divertente e con un finale brillante. >

Mostra thread
Segui

Menzioni per la sezione Pezzettini OFF:
Racconto di A. Marraffa 5°F Scuola Primaria V. Chizzolini (I.C. Villaggio Prenestino): per l'inusuale punto di vista del narratore.

"Fuga dal vicolo" di T. Innocenti 2°B Scuola secondaria di I grado G. Rossini (I.C. Villaggio Prenestino): per la maturità dell'autore nel trattare in maniera non banale un tema difficile come la povertà.

Racconto di S. Fabbri 3°A Scuola G. Rossini (I.C. Villaggio Prenestino): per lo stile essenziale ed il tema toccante.

Accedi per partecipare alla conversazione
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it