Segui

Lasciapassare infame ora anche per accedere ai negozi e servizi alla persona. Contro questo stato ormai sarà DISOBBEDIENZA TOTALE.

@crab questa è una informazione falsa, come puoi facilmente verificare a questo link:

ilfattoquotidiano.it/2022/01/0

Ti ricordo che su sociale.network la disinformazione su temi sanitari non è una pratica ben vista. Questo governo fa già molte cose discutibili, che possiamo discutere, non c'è bisogno di inventarci nulla. :mastoblush:

@gubi leggo: "niente Super Green Pass per l’accesso ai servizi alla persona, ai negozi, alle banche e gli uffici pubblici: basterà il certificato base, quello che si ottiene anche con il tampone".

Dov'è l'informazione falsa? I leghisti si sono opposti al super pass, ma quello base sarà esteso a questi nuovi contesti.

@crab io leggo "Stando alla prima bozza la certificazione che richiede il vaccino doveva servire anche per accedere a negozi e servizi alla persona. Ma i ministri del Carroccio minacciavano di votare contro e hanno avuto la meglio".

Siccome c'è scritto DOVEVA e non DOVRA' dire che si DOVRA' fare quello che DOVEVA essere obbligatorio ma non DEVE più essere fatto secondo me non risponde a verità fattuale.

@gubi stai confondendo versione "base" che si può avere con tampone e versione "super" che si ottiene solo con vaccino e guarigione.

"Garavaglia ha ottenuto che sia consentito l’accesso ai servizi alla persona, agli uffici pubblici, le banche e i negozi con il Green pass semplice. La bozza iniziale imponeva quello “super”, di cui sono in possesso solo vaccinati e guariti."

Si voleva imporre la "super" per i negozi ma questa linea non è passata. Mi sembra chiaro.

@crab bene, quindi mi confermi che tutti possono andare dal parrucchiere e che per farlo non è obbligatorio vaccinarsi, basta un controllo come precauzione per te e in segno di rispetto per chi si siederà dopo di te sulla stessa sedia del parrucchiere.

@gubi un controllo, per persone fino a prova contraria sane, alla modica cifra di 15 euro ogni 48 ore, che intaserà ancora di più farmacie e laboratori, mentre i vaccinati positivi inconsapevoli potranno liberamemte circolare senza controllo col loro super green pass infame attivo. Per me tutto questo è una follia, per te evidentemente la nuova normalità. Visioni differenti.

@crab per me questa è una grave forma di cialtroneria e malapolitica, che però, anche su invito dei sopravvissuti all'olocausto e del museo della memoria di Auschwitz, non possiamo chiamare "dittatura sanitaria", anche per fare i dovuti distinguo tra chi critica i lati discutibili di questa politica e i fascistoidi che oltre a negare l'olocausto negano anche la scienza.

@gubi Io penso che non si possano fare paragoni col passato perché stiamo assistendo a qualcosa di nuovo, che ai miei occhi appare come un tentativo di riorganizzazione neoliberista in senso antidemocratico in atto in alcuni stati occidentali, che usa la crisi e l'emergenza per ledere altri diritti e instaurare una società del controllo biopolitico e della sorveglianza grazie al potere scientifico e tecnologico. In questo scenario distopico, green pass e chat control vanno a braccetto. Paranoie?

@crab a me la situazione appare come un velenoso e caotico miscuglio di malapolitica, gestione mercantile della sanità pubblica, ignoranza scientifica fomentata per lucro politico o visibilità personale, paura diffusa che spinge alcuni all'esitazione vaccinale e altri verso lo stigma contro i non vaccinati, cattiva comunicazione del rischio e dell'incertezza, individualismo antivaccini e paternalismo istituzionale, un fallimento di tutta la società e non un disegno pianificato da qualcuno.

Accedi per partecipare alla conversazione
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it