In questa intervista realizzata da @articolo21 @guadagnucci propone di "riprendere e sviluppare una seria riflessione sui rapporti fra il potere – e in particolare le polizie – e il nostro sistema dell’informazione".

articolo21.org/2021/07/le-viol

La prima riflessione la faccio io: perché cercando di identificare il poliziotto con la coda di cavallo ripreso e fotografato mentre si univa alla "macelleria messicana" scatenata contro @guadagnucci e altre 92 persone il sito "italiani imbecilli" riesce a fare il suo nome con un post anonimo nel 2010, per la firma di un giornalista su una testata registrata abbiamo dovuto attendere il 2021 e i più grandi investigatori d'Italia hanno fallito salvandolo dal processo Diaz?

genova24.it/2021/07/assalto-al

Mostra thread
Segui

La seconda riflessione è che c'è un conflitto di interesse fra i giornalisti specializzati e i vertici delle polizie: i secondi sono importanti fonti di notizie per i primi. Su Genova G8 questo legame è stato decisivo: la pressione dei media è stata scarsa o nulla, l'ostacolo ai processi da parte dei vertici di polizia non ha destato scandalo @gubi

@guadagnucci a parità di conflitto di interessi resta però da capire che cosa ha rotto il velo del silenzio (anche sui media) per il caso Cucchi. Sentivo a Genova l'avvocato della famiglia Cucchi dire che l'attenzione sociale e mediatica è stata una componente fondamentale per il raggiungimento della verità. L'unica spiegazione che mi dò è che il caso Diaz toccava i massimi esponenti della Polizia, mentre quello Cucchi non coinvolgeva i vertici nazionali dell'arma dei Carabinieri.

Le grandi firme hanno relazioni speciali con i grandi capi e lo hanno dimostrato @gubi

Accedi per partecipare alla conversazione
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it