Oggi esperienza surreale: sono stato segnalato su sociale.network per cose dette su Claudio Messora e il suo sito da un utente di mastodon.uno. Non mi sono "autoassolto" coi miei poteri da admin e da controllato che non poteva essere anche controllore ho lasciato la decisione agli altri admin dell'istanza, che hanno confermato la legittimità del mio comportamento e delle mie dichiarazioni che rientrano pienamente nel diritto di critica e di libera espressione garantiti dalla Costituzione

@gubi premesso che gli utenti di baublu, dopo un periodo di "messa in prova", sono stati tutti silenziati da mastodon.uno, non farei tutta questa pubblicità a un'utente appena iscritto che non ha pubblicato nulla e che non ha nessuno che lo segue.
Sembra a tutti gli effetti un'utente fake creato per provocare una azione di "online shaming" che possono sfociare nella denigrazione pubblica (contro gubitosa o sociale. network ma anche contro mastodon.uno da parte dei soliti hater).

@mastodon Grazie per il feedback! Non so chi sia l'utente che mi ha segnalato alle sei di mattina, ma il punto non è lui. Se qualcuno vorrà denigrare me o sociale.network come forma di ritorsione, pressione, minaccia o intimidazione per la nostra azione contro l'antiscienza, il discorso d'odio, la disinformazione e il complottismo sovranista eurosfascista ce ne faremo una ragione: sarà una conferma indiretta del fatto che la nostra istanza sta svolgendo bene il compito per cui è stata creata. 😀

@gubi sottolineo che si era iscritto alle 3 di mattina e vi ha segnalato 3 ore dopo.
Pare ovvio che è un’azione ridicola creata appositamente per attaccarvi o da terzi per creare zizzania fra istanze, c’è in giro qualche hater che probabilmente userà questo per toot per portare avanti la sua narrazione, è già il secondo che dà fastidio e sono stati creati nelle ultime 24 ore.

Segui

@mastodon ma a uno che fa il troll multipiattaforma alle tre di mattina si possono mandare i servizi sociali?

Accedi per partecipare alla conversazione
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it