Scemenze a pagamento. Pensate che c'è gente che versa soldi per essere disinformata sulla natura dei social network decentralizzati, dove tu sei libero di fare quello che vuoi sulla tua piattaforma, ma non sul server che ti ospita e che ha tutto il diritto di stabilire la sua policy. (Per questo motivo sociale.network è installato su un server autogestito). Di seguito un thread che spiega la differenza tra quello che dice e la realtà.

byoblu.com/2020/12/10/tg-byobl

Segui

Prima bufala: "devo tornare a parlare di censura". Nessuno ha impedito a Messora di far funzionare la sua piattaforma appoggiandosi a servizi che tollerano la disinformazione in ambito politico e sanitario. E nessuno può obbligare una azienda a erogare servizi contrari alle sue politiche. Si parla di censura per monetizzare l'indignazione di chi crede che sia oscurata una voce libera, mentre in realtà si sta cercando di negare il diritto alla libera autodeterminazione di un fornitore di servizi.

Seconda bufala: "Eravamo sbarcati su "Mastodon". Su Mastodon non si "sbarca" come si sbarcherebbe su Facebook o Twitter. Non è un posto che esiste già prima e nel quale tu arrivi come ospite. Mastodon è un SOFTWARE che si installa, si configura e si fa funzionare su un server collegato a internet. Se il server è tuo, le regole le decidi tu, se sei ospite su un server di un'altra persona, le regole le decide lui, e anche se ti metti a piangere gridando alla censura quelle regole non le decidi tu.

Mostra thread

Terza bufala: "Mastodon, un social che non poteva essere bloccato nemmeno da un governo". Mastodon non è un social network, ma è un software, e infatti non è stato bloccato perchè chiudere un nodo della rete non blocca la rete intera fatta di MIGLIAIA di nodi che usano quel software aperto, libero e gratuito, un "universo" di nodi federati, un "FEDIVERSO" dove si è liberi di esprimersi se uno usa quel software sul PROPRIO SERVER, ma non si è liberi di stabilire le regole del server se non è TUO.

Mostra thread

Quarta bufala ""Il servizio di hosting masto.host ha modificato il suo regolamento in maniera dichiarata per escludere Byoblu".

Il regolamento è stato modificato per escludere istanze di Mastodon che fanno disinformazione dannosa, e il gestore di masto.host ha pensato che byoblu fosse una di queste istanze.

Ma non è escluso solo lui, non è una censura mirata. Sono state scritte regole valide per TUTTI. E molti contenuti di byoblu violavano la policy di masto.host già prima dell'aggiornamento.

Mostra thread

Quinta bufala (entriamo nel complottismo). Perché masto.host non ha più voluto ospitare sul suo server i contenuti di social.byoblu.com? "Evidentemente su pressioni di parte del fediverso di Mastodon, che in questo modo palesa se stesso". Per byoblu una rete decentrata da 5mila nodi autogestiti diventa una potente lobby italiana, utile per fomentare l'idea di un "nemico" e incassare solidarietà dipingendo come vittima chi fa disinformazione e come censore chi protesta contro la disinformazione.

Mostra thread

Sesta bufala. "Il fediverso è l'insieme dei server federati utilizzati per la pubblicazione nel web". Falso. il fediverso è un insieme di migliaia di PIATTAFORME federate, utilizzate per SCAMBIARE CONTENUTI col protocollo activitypub. I server sono supporti dove incollare manifesti. Le piattaforme sono manifesti pieni di contenuti. Un supporto ti ha detto che stavi violando le regole sull'affissione nei suoi spazi. Tu urli alla censura mentre puoi attaccare i tuoi discutibili manifesti altrove.

Mostra thread

SETTIMA BUFALA:

"Invece di essere contenti della grande visibilità offerta alcuni gestori di istanze di Mastodon hanno preferito comportarsi come i grandi social network che erano nati per contrastare".

Mettetevi d'accordo: il problema è MASTODON (il software o la comunità di sviluppatori?) oppure i GESTORI DI ISTANZE?

I gestori di istanze, a cominciare da me, hanno tutto il diritto di ribellarsi alla disinformazione antiscientifica, sovranista e nazionalista che inquina il fediverso.

Mostra thread

OTTAVA BUFALA:

I "gestori di istanze" sono cattivi perché "la loro ostilità alimentata da giudizi immotivati ha condotto a questo esito, alla chiusura del nostro social".

L'ostilità dei gestori di istanze mastodon verso la disinformazione è un dovere morale verso la propria comunità di utenti.

Nessuno ha chiuso niente, lo stesso Messora ammette che il suo parco giochi sovranista può riaprire su un altro server.

I giudizi su byoblu sono motivatissimi. Qui i motivi:

git.lattuga.net/isolateByoblu/

Mostra thread

NONA BUFALA:

"Questo è quello che sta accadendo dentro Mastodon, che perde una grande opportunità per dimostrare la propria coerenza".

Traduzione: non siamo noi che fomentiamo a scopo di lucro complottismo, pseudoscienza, sovranismo, nazionalismo, hate speech e xenofobia. E' Mastodon che è incoerente.

Mastodon non è una lobby incoerente, ma un software gratuito a codice aperto. La prova della sua libertà è che può essere utilizzato anche da chi ne parla male sputando nel codice in cui mangia.

Mostra thread

DECIMA BUFALA:

"La possibilità di rimanere in contatto con noi esiste: iscrivetevi alla nostra newsletter, e lì potremo offrirvi una alternativa".

Piangono per censure inesistenti, ma in realtà vogliono email per continuare a realizzare con profitto un business model basato sulla disinformazione.

L'alternativa alla finta "censura" acchiappaclick è semplice: coi soldi della questua online pagatevi un vostro server! E Mastodon ve lo offrono gratuitamente i programmatori che avete diffamato.

Mostra thread

@gubi
Ottime argomentazioni.
Avanti così per la diritta via

@gubi concordo con tutte e diedi le bufale ma questa terza non mi convince del tutto.
Scusa l'ignoranza ma se un istanza chiude, tutti i contenuti le manifestazioni di pensiero libero e gli iscritti sono persi definitivamente ?
E tra l'altro un account su questa istanza non permette di loggarsi su un'altra istanza.

@emanuelegori se una istanza chiude, cosa che è nel suo potere fare come è nel suo potere riaprire su un altro server in hosting o su server propri, non va chiusa cialtronescamente come , ovvero staccando la spina. Il modo corretto è:

1 - Avvisi gli utenti con un preavviso ragionevole.

2 - Gli utenti fanno un backup dei loro dati e migrano il loro account su un'altra istanza, portandosi appresso tutti i followers (ma non i toot, che restano però nel backup).

3 - Spegni l'istanza.

@gubi si ok, ma mi riferivo alla eventuale chiusura imposta da un organo di stato

@emanuelegori allora non c'entra niente col caso Byoblu. Loro hanno staccato la spina di loro iniziativa.

@gubi scusa l'ignoranza ma se migri su un'altra istanza come fai a portarti dietro i followers se non esistono sulla nuova istanza

@emanuelegori fanno parte dei dati del tuo profilo che vengono importati dal nuovo server prelevandoli dal vecchio server, ammesso che il vecchio server non sia spento dall'oggi al domani da cialtroni o incompetenti come quelli che hanno spento . Se gli admin danno il tempo al nuovo server di parlare col vecchio server, il nuovo server può imparare chi ti seguiva sul vecchio e continuerà a seguirti sul nuovo account. Qui trovi le istruzioni.

mastodon.social/@Gargron/10339

Accedi per partecipare alla conversazione
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it