Gli italiani mostrano una tendenza antropologica all'asservimento, a fare massa, a seguire il capotribù, a preferire ciò che è popolare rispetto a ciò che è giusto. Altrimenti non si spiega perché di fronte al potere dei social network commerciali (un potere culturale, tecnologico, economico, politico, mediatico e simbolico più grande e pericoloso di quello espresso dal nazifascismo) il numero di comunità virtuali che si ribellano è infimo rispetto ad altri paesi. Fonte fediverse.observer/stats

Segui

Come dicono gli amici di mastodon.bida.im nel report sui loro tre anni di attività, è preoccupante vedere realtà di movimento che "continuano ad usare esclusivamente social network commerciali per la loro comunicazione, esponendo militanti a schedature di massa, mentre vengono abbandonati blog e siti". Come gettarsi in bocca al moderno minculpop aderendo alle sue regole di comunicazione, pensando di fare antifascismo.

Qui il testo integrale del collettivo

bida.im/press.html#bidatreanni

@gubi nei movimenti ormai si usano sempre più i canali e i gruooi telegram.

IL Gruppo ippolita già a suo tempo li aveva stroncati:
outline.com/9SgtC4

d'altronde mastodon non è un progetto autogestisto ma fa capo al fondatore "benevolo dittatore".

@filippodb nulla vieta che qualcuno un giorno faccia un fork se aumenterà il numero delle limitazioni tecniche introdotte per questioni filosofiche dello sviluppatore capo. 😅

@gubi i movimenti devono mobilitare, non credo che Mastodon sia adatto, molto più efficace telegram o mobilizon in cui non c’è questo fattore della gamification che incentiva gattini, meme, battutine, flame.
Mastodon è versatile e può essere utilizzato benissimo per svariati utilizzi, per aggiornare, discutere, scoprire, trovare, divertirsi ma appunto ci sono limiti nella discussione che sono tipici del microblogging che ne limitano l’utilizzo nei movimenti.

Accedi per partecipare alla conversazione
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it