Segui

Se e i fascisti che lo applaudono capissero la scienza scoprirebbero che:

1 - Non esiste una "scienza di regime" contrapposta alla "scienza di popolo". Chiunque può dare un contributo alla scienza, a patto che sia valido e costruito con criteri scientifici.

2 - I premi nobel (anche quelli reali e non partoriti dalla sua fantasia) non sono un oracolo di verità, né autorità epistemologiche definitive. La conoscenza scientifica è sforzo collettivo, non supremazia individuale.

@gubi Premesso che Cacciari durante questo Crepuscolo della democrazia sta sostenendo delle tesi fondamentalmente condivisibili, mi sembra che il modo in cui le sostiene e gli argomenti che porta a favore di queste tesi, stiano pericolosamente sconfinando nel ridicolo.

La domanda più seria è per quale motivo i due filosofi italiani più importanti ancora in vita si stiano rincoglionendo in questo modo? Sindrome di Nietzsche?

@informapirata che esista una "scienza di regime" non è tesi condivisibile. Che l'uso politico della scienza sia opinabile è cosa diversa, e Cacciari dovrebbe conoscere che senso hanno le parole in lingua italiana. Scienza di regime è quella in cui finti scienziati fanno finta scienza a sostegno di una ideologia. Le scienze chiamate medicina, infettivologia, epidemiologia e virologia sono scienze vere e non finte.

@gubi ma infatti l'espressione "scienza di regime" è completamente fuori luogo, soprattutto considerando la competenza epistemologica di Cacciari

@informapirata non è solo "fuori luogo", è doppiamente pericolosa in quanto legittimazione di un'area culturale fascistoide e del suo negazionismo scientifico che mette a rischio la salute e la vita delle persone. E infatti il primo applauso sui social è arrivato dall'area anticulturale sovraniste di Casapound.

Accedi per partecipare alla conversazione
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it