Nell'isola degli extracomunitari è notte dei lunghi coltelli: i compagni di partito gli hanno dato una bella pettinata, e gli hanno tolto dalla faccia il sorriso da brexiter. Ora dice che non sapeva e non capiva: ragione di più per levarsi di torno.

SIC
TRANSIT
GLORIA
MUNDI

In Italia nessuno ricorda, nessuno ha interesse a ricordare, e quei pochi che si ricordano contano meno dello sforzo necessario a cancellare un post.

Le quattro gemelle D'Amato: quattro percorsi politici e quattro orientamenti differenti: una sta nei verdi europei, un'altra dice che i verdi sono "rossi di rabbia e di vergogna" perché fanno le alleanze col PD, un'altra boicotta le ONG che salvano vite umane, un'altra sta con le piazze novax infiltrate dai fascisti. La mente umana e la politica italiana sono due misteri sempre insondabili, a volte esilaranti.

In politica "per sempre" è un intervallo che dura fino a quando la memoria della tua dichiarazione non svanisce nella coscienza collettiva di un popolo semianalfabeta.

Al di là dei costi umani, il nazionalismo e la guerra non sono solo ruberie di pochi a danno di tutti: sono anche distruzione per tutti. Per mettermi in tasca la metà di quello che è tuo l'altra metà la devo distruggere.

journals.openedition.org/qds/2

Problema risolto, cara mamma: basta spegnere la televisione, così il tuo pargolo non sarà turbato da ciò che non comprendi e tu potrai leggere un bel libro per non sbroccare se da grande avrà un orientamento sessuale diverso da quello previsto nei film porno che guarda tuo marito

Storia squallida: c'era un dentista che lucrava durante una pandemia, facendosi pagare in nero per scrivere ricette con macedonie di farmaci che a volte erano inutili contro il Covid-19, altre erano dannosi per chi li assumeva. (Il cortisone non è una Zigulì). Ora questo pericoloso soggetto, per fare lo stesso business su scala più grande ha messo in piedi una app su cui sta indagando il garante, e che vi sconsiglio vivamente di installare.

Pillon vuole Rocco Siffredi a Sanremo perché Amadeus non è abbastanza etero. Ma il signor Distruggere lo mette al suo posto.

Che il traduttore di in figura abbia manipolato per ignoranza o malafede quello che ha detto , diffondendo informazioni false e pericolose per la salute pubblica, e aggiungendo minchiate di fantasia alle dichiarazioni di uno che è già cazzaro di suo, si può verificare facilmente al minuto 1:40 del filmino messo online da con grande sprezzo del ridicolo. Ma tanto siamo in Italia, chiunque può dire la qualunque, nessuno ne risponderà. Ma almeno una pernacchia ci sta.

Mostra thread

La dimostrazione che è uno spilorcio sta nel livello dei suoi traduttori:

Il primo non capisce una mazza col francese delle medie e passa il microfono a un altro.

L'altro fa prove microfono mentre dice l'ovvietà "tous les essais ont montré que ce vaccin ne protègeait pas CONTRE LA TRANSMISSION" (i vaccini non proteggono DAL CONTAGIO).

Con una combo di ignoranza e sicumera di livello "Totò in piazza Duomo" la traduzione diventa "i vaccini non proteggono ASSOLUTAMENTE". 😱

Anni fa con @peacelink rivelammo dati allarmanti sull'inquinamento di Taranto, ricavati da banche date pubbliche. Era vero: ciò nonostante partì una denuncia per procurato allarme. Ma in Italia non c'è la certezza del diritto, e potete scommettere che non solo la procura, ma anche l'Ordine dei Giornalisti non muoveranno un dito davanti a questa disinformazione falsa e pericolosa, che regala una immeritata ribalta a un ex scienziato che si è autoscreditato da anni abbracciando la pseudoscienza.

Mostra thread

Riassunto della pericolosa disinformazione di amplificata da cialtroni come

- Le pandemie si eradicano con l'alimentazione sana

- I vaccini non proteggono dal virus, favoriscono altre infezioni, gravi patologie al cervello e fanno morire tantissime persone

- La proteina dei vaccini è un veleno (combo con "non è soltanto il vaccino a curare" in piena dissociazione cognitiva)

- Vaccinare i bambini è criminale

- Se vuoi salvare l'umanità non vaccinarti

fa grandi progressi: prima diceva esplicitamente che l' si poteva contrastare con corretta alimentazione e integratori antiossidanti, ora ha un po' di pudore e si limita a parlare genericamente di virus. stenografa scemenze, ma per un approccio serio alla conoscenza serve anche memoria storica e magari anche qualche conoscenza linguistica.

Ai vostri figli non insegnate a seguire la scienza a capo chino: insegnate a cercare la migliore conoscenza, a saper riconoscere una bufala anche quando viene da un premio Nobel, a chiedersi perché lo troviamo sulla centrale di disinformazione chiamata e non a prendersi un secondo Nobel dopo aver smentito migliaia di colleghi, centri di ricerca, istituti nazionali di sanità e agenzie del farmaco di tutto il mondo uniti in un improbabile complotto per promuovere i vaccini anti-Covid.

Mostra thread

Il fatto specifico lo valuterà la magistratura, ma in generale (e a prescindere dalla documentazione che vi viene richiesto di esibire) se vi rifiutano prestazioni sanitarie in emergenza chiamate le forze di polizia, perché l'omissione di soccorso è illegale.

Come possiamo difenderci da tutto questo se la disinformazione arriva anche dai premi nobel e dalle riviste scientifiche più autorevoli, e perfino dalla cattiva di ricerche ben fatte? Con una "fiducia critica" nella scienza che passa da una corretta alfabetizzazione scientifica, per capire come funziona la ricerca, come e dove si costruisce la migliore conoscenza disponibile, dove individuare il consenso della comunità scientifica su temi critici per la nostra vita e il nostro futuro.

Mostra thread

Se dalla medicina passiamo all'intero spettro scientifico, le "bufale d'autore" di premi Nobel sono così numerose che si parla di "Nobel disease", la malattia dei Nobel che sbroccano. Io ci ho scritto sul mio blog per l'Espresso, Silvano Fuso ha scritto "Strafalcioni da Nobel". Ce n'è per tutti i gusti: suprematismo bianco, negazionismo climatico, HIV non infettivo e rapimenti di alieni. Ma la scienza è il consenso di una comunità, non l'"ipse dixit" di un sapiente.

gubitosa.blogautore.espresso.r

Mostra thread

Di ricordiamo altre perle: prima della pandemia sostiene la bufala di Wakefield su vaccini e autismo a 14 anni dalla smentita, dice che l'AIDS si può sconfiggere con una buona alimentazione e antiossidanti, strizza l'occhio all'omeopatia e alla magica "memoria dell'acqua". Poi sbandiera presunte prove mai provate della costruzione in laboratorio del SARS-CoV-2, e teorizza che le varianti sono causate dal virus e i vaccinati si faranno più male dei non vaccinati con le varianti.

Mostra thread

TERZA BUFALA: la "dittatura sanitaria". L'idea c'era già prima della pandemia. Ne parla nel 2017 l'oncologo Henry Joyeux, in una conferenza stampa col virologo Luc Montagnier (Nobel 1983 per la scoperta del virus HIV). I due non gradivano l'estensione in francia dei vaccini obbligatori. Scatta un'ondata di protesta nella comunità scientifica francese, che non impedisce a questa fantasia antiscientifica di diventare "virale". Nel 2021 il concetto è ripreso dallo stesso Montagnier.

Mostra thread
Mostra di più
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it