Mamma!, la prima rivista italiana di Giornalismo a Fumetti pubblicava nel 2013 un un numero sulla morte nei suoi aspetti epici, tragici e comici. Scaricate, leggete, e se vi piace richiedete una copia cartacea. ift.tt/2IxHfkm

Dalle cronache locali scopriamo altri nomi di imprenditori tarantini che nonostante il rischio sanitario hanno voluto fare una manifestazione di categoria spacciata come evento dei cittadini.

Gente che voleva difendere il loro diritto all'impresa fregandosene del diritto alla salute altrui.

Unico risultato: la filosofia miope ed egoista del "che me ne fotte a me" aggregata in piazza a novembre esplode a scoppio ritardato negli ospedali.

Un caso eclatante di

Mostra thread

La storia del soldato Chelsea Manning, che ha rivelato al mondo i crimini di guerra dell'esercito USA attraverso Wikileaks, raccontata in un fumetto pubblicato dal Corriere della Sera. Da scaricare, leggere e condividere. ift.tt/337cGLF

Nel frattempo Bacco festeggiava la notorietà conquistata (a Taranto come altrove) a colpi di sparate antiscientifiche che mettevano a rischio la vita e la salute del prossimo, seminando ignoranza in una piazza dove raccoglieva applausi di gente poco attrezzata culturalmente trascinata lì da impenditori incapaci che avrebbero preso le distanze da questa manipolazione, quando ormai era troppo tardi perché dal "palco degli imprenditori" qualcuno aveva già incitato la folla a buttare le mascherine.

Mostra thread

Gli organizzatori hanno chiamato migliaia di persone in piazza per fargli sentire la voce del medico ciarlatano negazionista del Covid Pasquale Mario Bacco, che loro nemmeno conoscevano, tant'è vero che poi si sono dissociati totalmente dalle sue dichiarazioni, dicendo che Bacco gli era stato segnalato dai commercianti di Bari, gli stessi che li avevano istigati a mobilitare un pericoloso assembramento, e che loro non avevano idea di chi fosse. Incoscienza mista a ignoranza.

Mostra thread

Oltre agli organizzatori, la responsabilità morale cade su chi ha partecipato, sostenuto e promosso quell'assembramento dal palco della manifestaizone.

Tra questi:

Marianna MEMMOLA. Cantante. Non metterò mai più piede in un locale dove si esibisce.

Luigi ABBATE, giornalista. Fui solidale con lui per le censure subite dai Riva, lui ha tradito la città che lo ha sostenuto.

Mostra thread

31 ottobre 2020: comizio negazionista con ciarlatani che invitano a buttare le mascherine.

17 gennaio 2021: escalation di contagi a Taranto, superati i 5mila contagi a metà del mese.

CHI RISPONDE MORALMENTE DI QUELL'ASSEMBRAMENTO? In primis gli organizzatori menzionati dalla stampa:

Tiziano Ricci (Pizzeria Ricci Piazza Maria immacolata, Taranto).

Fabio Palumbo (Caffè Mazzola, via Cesare Battisti 320, Taranto)

Reduce da un lutto in famiglia, boicotterò le loro imrpese senza rimpianti.

A Taranto si viaggia verso i 6000 casi in un mese. Qualcuno chiederà conto di questi contagi agli irresponsabili negazionisti che buttavano via le mascherine dal palco?

Il fumetto da scaricare e leggere nel weekend: "1969-2019: mezzo secolo di utopie". Un viaggio nella storia dei sogni umani che si sono trasformati in realtà, per pensare alle utopie che potremmo realizzare domani. ift.tt/2rpkTMU

Se mi leggi su Twitter, non sono io che scrivo. Io scrivo su sociale.network e poi i miei bot-minions ricopiano tutto su Twitter. Non avertene a male se replichi e non ti rispondo. Su Twitter scrive l'intelligenza artificiale, la mia scemenza naturale è altrove. Fatti un account su sociale.network e potremo interagire in uno spazio ecopacifista dove il discorso d'odio è bandito, interconnesso con un universo di piattaforme da 5mila nodi e milioni di utenti.

Vi ricordate quando Bruno Vespa da direttore del Tg1 censurava perfino il Papa e i funerali di Falcone e Borsellino per interessi diversi dall'interesse pubblico? Ora è migliorato, è passato dalla censura di cose vere all'invenzione narrativa di cose finte per fare apologia del fascismo. Il richiamo dell'arte è stato irresistibile.

archivio.unita.news/assets/der

"La mia terra la difendo", il fumetto sulla Sicilia pulita che ha sfidato "il pregiudicato Sgarbi", il malaffare e il potere politico. Prefazione di Don Luigi Ciotti, contributi di Riccardo Orioles e Andrea Camilleri, disegni di @kanjano@twitter.com. ift.tt/2xrZ0wy

Se usate sociale.network da un computer, provate a premere il punto interrogativo: comparirà una lista di "shortcuts", scorciatoie da tastiera, comandi che si possono impartire premendo dei tasti anzichè andando a cliccare in giro.

Caro Messora, la tua istanza mastodon (che da sociale.network non è visibile in quanto populista, criptofascista e portatrice di pericolosa disinformazione sanitaria) non l'ha riportata online "la forza della rete"; come racconti atteggiandoti a cavaliere jedi, ma la forza tecnologica di un software libero e gratuito chiamato (che usiamo anche qui) sul quale hai sputato complottismo vittimista perchè di ne capisci poco e confondi software, hosting e comunità.

Se cerchi un social network no-profit dove il discorso d'odio fascioleghista è bandito, non ci sono algoritmi manipolativi o pubblicità e puoi argomentare fino a 500 caratteri, accomodati su sociale.network: sociale, libertario equosolidale.

ift.tt/2GsjjkS

E' questo il mondo che volete? Uno in cui venite privati dell'involontaria comicità di contaballe populisti che portano in scena cialtroni convinti di prevedere i terremoti, che l'HIV non infetta e che mettendoci a stampare le lire a manovella come Totò e Peppino daremo il via a una nuova età dell'oro? E' questo il mondo che vi piace, noiosi e grigi cantori della verità e del rigore scientifico? Ma non si arrenderà mai, né a voi né all'evidenza. Lotta dura, senza censura! 🤣

Questo è il corrispondente mediaset da Bruxelles, che decide di dare sfoggio di analfabetismo scientifico teorizzando che affermare "non ci sono riscontri che tu sia figlio di tuo padre" equivale a dirti che sei un figlio di puttana, mentre in realtà si sta esercitando un dubbio scientifico che si scioglie solo di fronte ad evidenze certe. Per dare certezze, in questo esempio la scienza richiede un test del DNA, mentre per la politica basta un'autodichiarazione all'anagrafe del sedicente padre.

Scaricate e leggete “Semi di ribellione”, il racconto a fumetti antiproibizionista con la storia di “Lapiantiamo”, il “Cannabis Social Club” nato a Racale (LE) su iniziativa di un gruppo di ammalati di malattie neurodegenerative. ift.tt/38BcVzz

Per capire le sfide che attendono l'Europa e i problemi che i nazionalismi, gli eurosfascismi e la retorica patriottarda xenofoba non sono in grado di risolvere chiudendo le frontiere scaricate, leggete e studiate il fumetto "Il Dottor B in Europa": ift.tt/2wCqz8B

Per creare un "thread" (concatenazione di testi) basta rispondere al post precedente cliccando sull'icona di risposta (la freccina che va a sinistra) per creare il post successivo, che si "aggancia" come ulteriore anello della catena. Se usi il "ponte" (gateway) che tragetta i "Toot" di sociale.network su twitter, la concatenazione viene ricreata anche su twitter. Per creare il gateway trovi le istruzioni al link qui sotto, è più comodo se lo fai da PC.

sociale.network/@gubi/10522136

Mostra di più

Suggerimenti da Carlo Gubitosa:

sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it