Mostra di più

Fate girare questa lista, poi vediamo se è giusto o sbagliato far circolare più armi in Italia come chiedono gli amici fasciopadani dei pistoleri.

MALEDIZIONE AI CATTIVISTI: io dico male del vostro odio xenofobo, del vostro egoismo, della vostra ignavia di fronte a stragi nel mediterraneo, torture in Libia e diritti negati a minori. Un giorno capirete con orrore quanta umanità avete sprecato attorno a voi. Viva Papa Ciccio.

Le frontiere: inventate da capitribù, nobili, latifondisti e riccastri, superate da esploratori, lavoratori, scienziati e amanti.

"La mia terra la difendo", il fumetto sulla Sicilia pulita che ha sfidato "il pregiudicato Sgarbi", il malaffare e il potere politico. Prefazione di Don Luigi Ciotti, contributi di Riccardo Orioles e Andrea Camilleri, disegni di @kanjano@twitter.com. ift.tt/2xrZ0wy

RCA: nuova ondata di violenza colpisce medici, pazienti e strutture sanitarie ift.tt/3xW4Wec

Empowering Non Profit, il corso di Fondazione Carisbo e TechSoup sulla trasformazione digitale ift.tt/3y0cUCQ

Nel magico mondo padano, con l'assessore alla sicurezza ti sparano per strada. Quello alle politiche sociali ti passa con la ruspa sopra casa e quello all'ambiente ti caga sul balcone. Hasta la Padania siempre!

Se sparare ai pregiudicati è diventato legittimo col governo "tecnico", rafforzate immediatamente la scorta a casa di Umberto Bossi!

Se vi spara un leghista procuratevi un alibi di ferro, altrimenti va a finire che è colpa vostra.

Se cerchi un social network no-profit dove il discorso d'odio fascioleghista è bandito, non ci sono algoritmi manipolativi o pubblicità e puoi argomentare fino a 500 caratteri, accomodati su sociale.network: sociale, libertario equosolidale.

ift.tt/2GsjjkS

20 anni dopo il massacro alla Diaz Genova24.it è stata la prima testata giornalistica ad aver identificato Luigi De Marinis, il poliziotto con la coda di cavallo che nessun superpoliziotto era riuscito a identificare, forse perché era loro collega.
genova24.it/2021/07/assalto-al

genova.repubblica.it/cronaca/2
Quello squarcio sul giubbotto avrebbe dovuto rappresentare la prova dell'aggressione, violenta e feroce, subita all'interno della scuola Diaz. Ma Massimo Nucera, agente scelto del Nucleo speciale del VII Reparto Mobile di Roma, quella coltellata alla giacca se l'era inferta da solo. E Maurizio Panzieri, allora Ispettore capo dello stesso Nucleo speciale, aveva firmato un verbale chiaramente fasullo. Entrambi condannati.

Assalto alla Diaz,la vera storia del riconoscimento di ‘coda di cavallo’ e il flop delle indagini affidate alla polizia Fu riconosciuto grazie a un guizzo di uno dei consulenti degli avvocati che supportavano le vittime della Diaz,ma era ormai troppo tardi

genova24.it/2021/07/assalto-al

Prefazione: Michael Moore. Intro: Eddie Vedder. Fumetti: Tom Tomorrow. Libro: "Il Pazzo Mondo a Stelle e Strisce" mamma.am/tomtomorrow

Dentro palazzo Ducale si propongono soluzioni per ricucire la ferita tra cittadini e istituzioni: codici identificativi, norme per i whistle-blower, smilitarizzare la polizia, dare piena attuazione alle prescrizioni della corte europea per i diritti umani, sospendere i funzionari indagati e rimuovere quelli condannati. Ma in Piazza De Ferrari questa ferita sanguina sugli striscioni dei giovani che schiumano di rabbia perché non si sono ancora abituati alle ingiustizie e alla violenza di Stato.

Heil Beppe!1! Il "Manuale libertario contro un partito autoritario" disegnato da Alessio Spataro. mamma.am/beppe

Mostra di più

Suggerimenti da Carlo Gubitosa:

sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it