Segui

ACQUA
-Governo valuta un razionamento che potrebbe portare anche a uno STOP ALLA DISTRIBUZIONE DURANTE LA NOTTE.
- Ogni campo da , CONSUMA IN MEDIA 2.000 M.C. al giorno = ogni 24h un percorso “beve” la stessa quantità d'acqua di un comune da 9.000 persone.
A quali categorie sociali verranno richiesti sacrifici?

@mcc43 Il primo sacrificio potrebbe essere rinunciare a faraoniche opere inutili come il TAV Torino-Lione che per realizzare chilometri di gallerie prosciuga interi bacini idrici.
Ma poi a quale risparmio dovrebbe portare l'interruzione notturna della distribuzione?
Ognuno riempirebbe dei gran flacconi della stessa quantità d'acqua che è solito consumare di notte. Non ci sarebbe alcun beneficio, solo uno stupido disagio.

@TinodiGacco Correttissime osservazioni, aggiungiamo anche l'aumento delle vendita di acqua in bottiglie di con tutto quel che ne consegue.
Spesso la tanto vituperata "casalinga di Voghera" scriverebbe norme più ragionevoli e meno dannose.

Accedi per partecipare alla conversazione
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it