La quarta Carovana italiana per chi diserta la guerra

Edizione di oggiUcrainaPoliticaInternazionaleEuropaMdM

SEZIONI

Commenti e rubriche

Interni

Esteri

Culture e visioni

Inchieste

Storie

Sport

Inserti

Interviste, film e recensioni

Reportage

23 settembre 2022 — Aggiornato alle 00:01

Sfoglia il giornaleUltime edizioni

INFO UTILI

NewsletterAbbonamentiTariffeCome funziona questo sitoTermini e condizioniPrivacyCookie

Ultimi articoli sul topicCrisi Ucraina



Il pericoloso

«bluff» di Putin

INTERNAZIONALE

La quarta Carovana italiana per chi diserta la guerra



Una delle Carovane di StopTheWarNow a Mykolaiv

CRISI UCRAINA. Riparte lunedì 26 settembre da Gorizia la nuova missione dei pacifisti italiani e della rete StopTheWarNow. Porterà sostegno a disertori e obiettori di coscienza ucraini, russi e bielorussi

Pubblicato circa 7 ore faEdizione del 23 settembre 2022

Emanuele Giordana

Ruslan Kotsaba ha 49 anni e ne rischia 15 di galera. È un

Mostra thread

giornalista ucraino, pacifista e obiettore di coscienza, accusato da Kiev di «alto tradimento» per alcune sue dichiarazioni contrarie alla leva militare durante la «guerra civile fratricida del Donbass».

La posizione di Ruslan è sostenuta da un appello per la difesa dei diritti dei pacifisti e degli obiettori di coscienza stilato da International Fellowship of Reconciliation (Ifor), War Resisters’ International (Wri), Ufficio Europeo per l’Obiezione di Coscienza (Ebco), Connection e.V.

Mostra thread

(Germania) e dal Movimento Nonviolento (Italia). Appello lanciato in occasione dell’ultima udienza tenutasi sul suo caso il 20 luglio 2022. Gli attivisti della ong italiana Un Ponte Per lo hanno incontrato nello stesso periodo a Kiev. Ma quello di Ruslan non è un caso isolato.

È all’insegna di un’attenzione specifica a questo aspetto della guerra in Ucraina, atroce quanto non raccontato – obiezione e diserzione riguardano anche russi e bielorussi –, che si muove la quarta Carovana

Mostra thread

di StopTheWarNow, rete della società civile italiana che abbiamo seguito a Leopoli e due volte a Odessa e Mykolaiv con le prime tre missioni umanitarie organizzate da un pianeta variegato: cattolici, laici, pacifisti, non violenti, donne e uomini contro la guerra.

STAVOLTA l’aspetto politico è forse più marcato. Un tassello che si aggiunge all’assistenza umanitaria, al trasporto di medicinali, cibo e vestiti e alla solidarietà «fisica» praticata dai carovanieri sin sulla linea del

Mostra thread
Segui

fronte.

La Carovana parte lunedì 26 settembre diretta a Kiev dopo una missione esplorativa svolta a luglio da Un Ponte Per che guiderà il quarto viaggio di StopTheWarNow verso la capitale ucraina con il sostegno del suo partner rumeno PeaceAction, Training and Research Institute of Romania.

La missione è stavolta quella di «porre le basi per accordi di partenariato tra membri italiani della campagna StopTheWarNow e organizzazioni ucraine della società civile (inclusi i sindacati)

impegnate nella costruzione della pace, l’obiezione di coscienza e la resistenza nonviolenta», dice il manifesto che invita chi vuole a partecipare (ci si può iscrivere sul sito www.stopthewarnow.eu).

La Carovana appoggia la campagna di solidarietà agli obiettori di coscienza sotto inchiesta/processo da parte della Procura generale in Ucraina, come nel caso di Ruslan Kotsaba, ed è un pezzo di un’altra campagna attivata in Italia dal Movimento Nonviolento che chiede di sottoscrivere una

Mostra thread

dichiarazione di obiezione di coscienza alla guerra da inviare alle autorità italiane.

UN TASSELLO che si inserisce nell’iniziativa delle già citate Ifor, Wri, Ebco, Connection e.V. – sostenuta da circa 60 altre organizzazioni per la pace in Europa – che ha formulato una proposta di risoluzione che chiede al parlamento europeo e all’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa di garantire che i militari che hanno evitato o disertato il servizio militare (disertori, obiettori o

Mostra thread

evasori della leva) ottengano asilo in Europa. Ucraini, russi e bielorussi.

Mostra thread
Accedi per partecipare alla conversazione
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it