L’Occidente “sfrutta” la in per testare nuove

Se gli non avessero inviato 18,6 miliardi di dollari di armi a Kiev, la avrebbe già vinto. Ma secondo il New York Times uno degli obiettivi della è testare nuovi armamenti in un vero conflitto. «È una vergogna»

lists.peacelink.it/disarmo/202

"L' è all'offensiva lungo la maggior parte della linea del fronte di 600 miglia, ei russi sono accovacciati sulla difensiva. Ma circa un quinto del territorio ucraino è ancora occupato dalla ".

New York Times

Attraversare il fiume Dnipro e attaccare per gli uomini di Volodymyr Zelensky non sarà però semplice dal momento che i russi hanno scavato tre linee di trincee e costruito fortificazioni per attendere gli ucraini da una posizione di forza. Per avanzare ancora, Kiev dovrebbe mettere in conto molte perdite tra i suoi uomini.

tempi.it/fermarsi-o-avanzare-v

Un sondaggio condotto in nel novembre 2016, il 45% degli intervistati si dichiarò favorevole alla rimozione delle statue di , il 48% contro ed l'11% indeciso; il 57% si disse contrario al cambio di tutti i nomi della città di derivazione sovietica, mentre il 49% si dichiarò favorevole.

it.wikipedia.org/wiki/Decomuni


Mosca: "Non abbiamo attaccato ieri, erano missili ucraini"
Le forze russe non hanno compiuto alcun attacco su Kiev ieri, e  le distruzioni sono state "causate dalla caduta di missili ucraini" del sistema di difesa. Lo afferma il ministero della Difesa di Mosca citato dalla Tass.
Rainews

Ecco il video promosso dal Coordinamento donne per la Giornata internazionale per l'eliminazione della contro le

vimeo.com/773473837

Il missile finito in era ucraino e non russo ma è diventato l'occasione per installare un sistema antimissile in Polonia per intercettare missili russi - disarmo@peacelink.it
lists.peacelink.it/disarmo/202

Mostra di più
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it