Tra i monti Rhön si estende un'area protetta di oltre 100 km quadrati che esprime la ricca biodiversità di questa parte della Germania. Ampie distese verdeggianti e campi fioriti (in questa immagine si tratta di lupini) si spingono fino ai margini di secolari foreste. Il parco si trova al confine tra gli stati tedeschi di Baviera, Assia e Turingia. Il territorio del parco è in gran parte incluso nella più vasta Riserva della biosfera di Rhön, fondata dall'UNESCO.

Pax Christi: R. D. del Congo, dolore per le vittime e impegno per una guerra colpevolmente dimenticata ift.tt/3qNbmIT

: Bolsonaro torna all’assalto su , armi e diritti umani

Dopo un’alleanza con i partiti di centro che controllano il parlamento, Jair Bolsonaro ha davanti a sé la strada spianata per portare avanti i suoi piani più controversi, che metterebbero a rischio l'ambiente, i diritti umani e la sicurezza in Brasile

osservatoriodiritti.it/2021/02

In questo file l'ex arcivescovo di Taranto, mons. Benigno Papa, spiega fin nel dettaglio come riceveva le donazioni dall'ILVA

spreaker.com/user/marescotti/b

I tre addetti alla sala di controllo sarebbero rimasti sepolti sotto i detriti, dopo il crollo di una ciminiera facente parte di una batteria di forni a coke.

peacelink.it/processoilva/a/48

Per il pm Giovanna Cannarile, l’Autorizzazione Integrata Ambientale del 2011 «è stata pilotata». Per La Regione Puglia nel 2011 era invece una conquista. Diceva l'allora assessore all'ambiente Nicastro: “Entreranno in vigore limiti emissivi più bassi rispetto a quelli oggi vigenti, in linea con le migliori tecnologie disponibili”.

avvenire.it/attualita/pagine/e


Era il 21 marzo 2008 e aveva appena denunciato la presenza di diossina nella catena alimentare. PeaceLink aveva fatto analizzare del pecorino di animali che avevano pascolato vicino a . Leggete cosa dichiarava Vendola.

PROCESSO

Era il luglio 2012 quando, dopo un'inchiesta della magistratura, la fabbrica di fu soggetta al sequestro degli impianti dell'area a caldo perché inquinanti e "fonte di malattia e morte" come specificò, più di otto anni fa, il gip Patrizia Todisco.

continua su: fanpage.it/attualita/ilva-gest

La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva

"Chiesi ad Emilio Riva, nel mio primo incontro con lui, se fosse credente, perché al centro della nostra conversazione ci sarebbe stato il diritto alla vita. Credo che dalla durezza di quei primi incontri sia nata la stima reciproca che c’è oggi".

Maggio 2011 - Il Ponte

PROCESSO

IPOTESI DI REATO DI FALSA TESTIMONIANZA PER MONS. BENIGNO PAPA

CHIESTA TRASMISSIONE ATTI PER EX VESCOVO - La trasmissione degli atti alla procura per l’ipotesi di reato di falsa testimonianza è stata chiesta dal pm Mariano Buccoliero per cinque persone che hanno deposto nel processo Ambiente Svenduto per il presunto disastro causato dall’Ilva.

Tra queste c'è l’ex arcivescovo di Taranto Benigno Luigi Papa.

(Gazzetta del Mezzogiorno 17.2.2021)

PROCESSO

“In aula sono addirittura arrivati imputati che sono arrivati a dire alla Corte che gli impianti erano modello, prendendo in giro la Corte, e per questo agli imputati non vanno concesse le attenuanti” ha detto il pm.

peacelink.it/processoilva/a/48

PROCESSO

400 anni di carcere per associazione a delinquere finalizzata al disastro ambientale, all’avvelenamento di sostanze alimentari e all’omissione dolosa di cautele in materia di sicurezza del lavoro. Queste le richieste dei PM oggi a .

Tutto nasce da questo pecorino alla che porta ad analizzare nel 2008.

Ventotto anni per Fabio Riva, 25 per Nicola, cinque per Vendola: richieste di condanna. Taranto, ex Ilva: “Ambiente svenduto”
PROCESSO SULLA GESTIONE DEL SIDERURGICO EX ILVA, 47 IMPUTATI A VARIO TITOLO PER DISASTRO AMBIENTALE ED ALTRI REATI: 28 ANNI DI RECLUSIONE CHIESTI ANCHE PER GIROLAMO ARCHINÀ

Mostra di più
sociale.network

Sociale.network è un ambiente di confronto per pacifisti, anarcolibertari, ecologisti, antimilitaristi, anticlericalisti, antirazzisti, antifascisti e ogni altro genere di persone che sogna un mondo più pulito, solidale e libero. Il discorso d'odio è bandito, la pubblicità pure. Niente contenuti a pagamento, niente controllo da parte di qualche azienda privata, design etico e decentralizzazione! Su questo sito, grazie al software libero Mastodon, il proprietario dei tuoi dati sei tu! Senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità. Sociale.network non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari. Sociale.network è una iniziativa dell'associazione culturale altrinformazione.net e dell'associazione peacelink.it